26 giugno, 2016

25 giugno 2002 - L'Art Ensemble of Chicago è vivo!

Il 25 giugno 2002 l''Art Ensemble Of Chicago suona a Villa Ada in Roma. «L’Art Ensemble Of Chicago è vivo! Lester non avrebbe voluto che finisse, né lo vogliamo noi: e quindi l’Art Ensemble non è per niente finito», con queste parole Roscoe Mitchell ha assunto in prima persona nel 1999, dopo la morte del carismatico leader Lester Bowie, l'impegno di continuare l'attività di uno dei gruppi più significativi della scena musicale mondiale degli ultimi trent'anni. C'è chi ha detto che senza il loro lavoro gran parte della musica afroamericana di oggi non esisterebbe. Forse è un'esagerazione, ma è certo grandissimo il debito che non soltanto il jazz ha con questo gruppo nato alla metà degli anni Sessanta dall’esperienza dell’AACM (Association for the Advancement of the Creative Musicians), creata da Muhal Richards Abrams, con lo scopo preciso ed esplicito di valorizzare la tradizione afroamericana e di favorire la nascita di una musica nuova. Martedì 25 giugno saranno proprio loro i protagonisti nella serata d'apertura delle attività estive di Villa Ada che Il Manifesto ha voluto dedicare al ricordo di Lester Bowie. Dopo quattro anni d'assenza ritornano così a Roma i tre sopravvissuti della formazione originale, il già citato sassofonista Roscoe Mitchell, il contrabbassista e percussionista Malachi Favors e il batterista Don Moye. Non sono soli perché il tributo, ricco e intenso, si apre con i suoni, i ritmi e i colori mediterranei dei Pantarei, che presentano anche brani del loro nuovissimo album Tremalaterra. Poi tocca a una lunga serie una serie di artisti, tutti italiani, se si eccettua il chitarrista africano Baba Sissoko, e legati tra loro dal comune denominatore dell’aver collaborato, in epoche diverse, con Lester Bowie. Oltre al già citato Sissoko, ci sono il fisarmonicista Antonello Salis, il contrabbassista Riccardo Lay, i sassofonisti Sandro Satta e Marco Zurzolo, nonché il trombettista Claudio Corvini. Con loro interagirascono anche alcuni componenti dell'Art Ensemble Of Chicago, destinati a diventare i protagonisti assoluti nella terza parte della serata.

Nessun commento: